Musée Galilée

Museo Galileo

Situato in Palazzo Castellani, uno degli edifici più antichi della città, il Museo Galileo riunisce tutti i tipi di strumenti e strumenti scientifici dal Rinascimento al Novecento.

Informazioni sul Museo

Il Museo Galileo occupa i 3 piani di Palazzo Castellani, situato in Piazza dei Giudici. Fondato nel 1930 per iniziativa dell’Università di Firenze, il museo è diventato il più grande museo scientifico d’Italia e possiede una ricca collezione di reperti matematici, ottici, astronomici, chirurgici o di navigazione. Gli oggetti più antichi provengono dalle famiglie Medici e Lorena. Il luogo è diviso in 18 sale per un totale di 1300 oggetti esposti, tra i quali i più importanti sono due telescopi e gli oculari utilizzati da Galileo nel 1609 per scoprire le montagne lunari e i satelliti di Giove.

Cosa possiamo scoprire al museo?

Il luogo è ricco di importanti materiali scientifici esposti, utilizzati in passato, ma alcuni dei più notevoli sono: il barometro a mercurio, inventato nel 1634, e il telescopio Galileo, già menzionato. Inoltre, è possibile vedere anche una piccola collezione di orologi da tasca con unità risalenti alla fine del 14 ° secolo e i quattro globi del famoso cosmografo veneziano Vicenso Maria Coronelli: hanno un diametro tra i 50 centimetri e un metro e mostrano il mondo come era conosciuto all’epoca. Oltre ai telescopi e agli strumenti utilizzati per le grandi scoperte, ciò che attira l’attenzione è un vetro ovoidale all’interno del quale è il dito medio di Galileo, separato dal suo corpo nel 1737 quando i suoi resti furono trasferiti nella cripta di famiglia.

Camera 1

Collezioni medicee per molti anni, la famiglia Medici, mecenati dell’arte e della scienza, hanno formato una squisita collezione di strumenti scientifici , che sono stati conservati per circa due secoli nella Galleria degli Uffizi accanto a capolavori di arte antica e moderna. La collezione, iniziata dal fondatore del Granducato di Toscana Cosimo i Medici (1519-1574), è stata arricchita dai suoi successori. Francesco il primo (1541-1587) si interessò principalmente alle collezioni di storia naturale e alchimia, e Ferdinando il primo (1549-1609), che acquisì un gran numero di strumenti matematici, nautici e cosmografici. Comsimo ii (1590-1621) ebbe l’unico privilegio di aggiungere alla collezione gli strumenti originali di Galileo, bussole geometriche e militari e telescopi.

Camera 2

Astronomia e tempo Fin dai tempi antichi, la razza umana è stata affascinata dal tempo, considerandolo sia una questione filosofica che naturale. Senza essere in grado di spiegare esattamente cos’è il tempo, l’astronomia si è sempre dedicata a definire i suoi moduli (anni, mesi, giorni e ore), basati sull’osservazione dei fenomeni celesti, sviluppando strumenti precisi per misurare il tempo. C’erano due ragioni principali per questo tipo di necessità di misurare e organizzare il tempo: in primo luogo, l’istituzione del calendario per regolare i giorni esatti di celebrazione delle festività religiose e politiche, e quindi la previsione della posizione delle stelle e dei pianeti al fine di formulare previsioni astrologiche.

Camera 3

La rappresentazione del mondo il valore culturale della cosmografia in Toscana è testimoniato dall’entusiastica accoglienza della geografia di Tolomeo, uno dei testi fondamentali degli studi geografici moderni riscoperti a Firenze nel Trecento. L’ambizioso progetto del nuovo guardaroba di Palazzo Vecchio fu concepito da Cosimo de ‘ Medici come un grandioso theatrum mundi, oltre che come tentativo di assimilare e modernizzare la geografia di Tolomeo. Questa concezione fu poi illustrata nella Galleria Ufizzi da Ferdinando I (1549-1609), che progettò una sala cosmografica contenente rappresentazioni dei campi medicei e un eccellente modello tolemaico dell’universo, realizzato dal cosmografo Antonio Santucci († 1613). I disegni di Palazzo Vecchio e Ufiizi formano un motivo continuo come Somma della cosmologia cinquecentesca per celebrare il potere e l’autorità del Principe.

Camera 4

Le sfere delle quattro sfere di Vincenzo Coronelli sono state realizzate dal cosmografo veneziano Vincenzo Maria Coronelli (1650-1718), famoso per le enormi dimensioni delle sue creazioni, come le sfere di quasi 4 metri di diametro realizzate per Luigi XIV, re di Francia, che si trovano nelle collezioni medicee. Le sfere del Museo Galileo appartengono alla serie realizzata da Coroneli presso l’Accademia Cosmografica degli Argonauti da lui fondata a Venezia nel 1684. Queste sfere sono di medie e piccole dimensioni, (1 metro, anche 50 centimetri di diametro). Nel 1693, Coroneli descrisse le sue tecniche per realizzare le sfere con l’Epitome cosmografica. Scritti a mano o stampati su fogli di carta, chiamati gorres, erano incollati in un’enorme palla di legno, avvolti in carta e rifiniti con gesso. I 26 fogli di carta esposti in questa sala (24 mezze mandrini e 2 coperte polari) sono stati stampati nel 20 ° secolo da vere lastre di rame e sono conservati presso la Biblioteca Nazionale di Parigi. Queste tavole sono state pre-progettate per una seconda edizione (Parigi 1693), per il globo celeste di Coronelli.

Camera 5

La scienza della navigazione avendo consolidato il loro potere nei confronti della Toscana, i Medici si rivolsero al mare, sperando di ottenere un punto d’appoggio nella navigazione oceanica e migliorare il commercio con le Indie orientali e occidentali. Queste ambizioni hanno effettivamente promosso lo sviluppo delle Scienze Marine e sono riuscite a fare di Livorno nel Granducato un importante centro del Mediterraneo. Era dotato di arsenali, cantieri navali, scuole navali e officine, che producevano strumenti nautici e cartografi.

Sala 6

La scienza della guerra nel 1599, Ferdinando I (1549-1609) trasferì gli strumenti matematici da Palazzo Vecchio in una sala dedicata all’architettura militare nella Galleria degli Uffizi. Questa nuova mostra celebrava chiaramente la scienza della guerra, che, con la diffusione delle mitragliatrici, aveva trasformato il campo di battaglia in uno spettacolo di studi geometrici. I mortai forzarono la trasformazione della geometria della fortezza. Inoltre, una buona conoscenza del rapporto peso / raggio dei gusci era ora necessaria per operazioni di misurazione e calcolo precise. I generali erano obbligati a conoscere i principi matematici di base per la direzione perfetta delle spedizioni militari. Come ha detto Galileo a proposito del nobile che ha preso le sue lezioni di matematica, un soldato deve avere conoscenze di base di aritmetica, geometria, misurazione spaziale, prospettiva, ingegneria e architettura militare.

L’estate del 1609 segna l’inizio della rivoluzionaria e telescopica esplorazione dei cieli, che portò alle impressionanti scoperte di Galileo Galilei (1564-1642): la superficie della luna sembrava formare scie di montagne e valli come sulla Terra. Le costellazioni presentano una moltitudine di stelle, invisibili ad occhio nudo. Giove era circondato da satelliti (le stelle Medicee come diceva Galileo). Venere ha fasi cicliche come quella della luna. La superficie del sole era distorta da macchie scure. Saturno, stranamente, sporgeva ai lati. Queste scoperte astronomiche annunciarono una rivoluzione destinata a demistificare l’immagine dell’universo che aveva prevalso per duemila anni. L’agitazione profonda di questa rivoluzione fa presagire una credenza nella posizione privilegiata dell’uomo nell’universo e risveglia l’antagonismo violento che avrebbe dovuto rivendicare Galileo come vittima.

Camera 8

L’Académie del Cimento: l’arte e la scienza della sperimentazione fu fondata nel 1657 dal Granduca Ferdinando II (1610-1670) e dal principe Leopoldo de’ Medici (1617-1675), l’Académie del Cimento fu la prima Società europea, dedicata esclusivamente alla scienza, avanzata dalla Royal Society Foundation di Londra (1660) e dalla Royal Academy of Sciences di Parigi (1666). Seguendo le orme di Galileo, Cimento condusse esperimenti per verificare alcuni principi dell’antica filosofia naturale, universalmente accettati sul principio di Aristotele. L’Accademia completò il suo lavoro nel 1667 con la pubblicazione di “essays on natural experiments”, che descriveva alcune delle sue attività. Importanti risultati sono stati ottenuti dall’Accademia in termometria, barometria e osservazione di Saturno. Molti esperimenti sono stati progettati per verificare la possibilità di creare un vuoto e osservare l’effetto su animali e oggetti. L’Accademia del Cemento ha svolto un ruolo importante nella demolizione della credenza tradizionale che la natura aborre il vuoto.

Sala 9

Poi Galilea: esplorazione del mondo fisico e biologico nella seconda metà del Seicento, la meteorologia si sviluppò rapidamente grazie alla sempre più sofisticata creazione di strumenti per la misurazione dei valori termometrici, barometrici e igrometrici. L’uso sistematico di microscopi migliorati ha prodotto importanti risultati nel campo della biologia e dell’entomologia. Allo stesso tempo, sono stati costruiti telescopi di dimensioni maggiori e una maggiore complessità ottica, portando a nuove importanti scoperte astronomiche.

Camera 10

Le collezioni lorenesi con la morte di Gian Gastone de ‘ Medici (1671-1737), gli Asburgo-Lorena divennero signori di Toscana. Su iniziativa del Granduca Pierre Leopold (1747-1792), le collezioni scientifiche furono riorganizzate. Nel 1976 furono trasferiti dalla Galleria ufizzi di Palazzo Torrigiani all’edificio del Museo Imperiale e Nomade di Fisica e Storia Naturale (l’attuale Museo “La Specola”) inaugurato nel 1775. Dotato di laboratori ed equipaggi, il museo fu diretto dallo scienziato Felice Fontana (1730-1805). Nella collezione del patrimonio mediceo, nel tempo, sono stati prodotti dispositivi nelle sinergie del museo , come macchine o torni , vari strumenti di ricerca in Scienze Naturali, modelli anatomici in cera, fasce da lavoro e costosi strumenti importati dall’estero. Il museo aveva anche un osservatorio. Il suo direttore fu l’astronomo e binocolo Giovanni Battista Amici (1786-1863). Nel 1841, sotto la direzione di Vincenzo Antinori (1792 – 1865), la parte più importante della collezione fu presentata alla Galleria Galileo. La collezione crebbe fino al 1859, quando il Granduca Leopoldo II L’Ultimo (1797-1870) lasciò la Toscana.

Camera 11

la dimostrazione della scienza risultati spettacolari erano una caratteristica tipica di molti aspetti della scienza del XVIII secolo. L’alta società del tempo, desiderosa di innovazione e intrattenimento, era affascinata dai fenomeni della fisica sperimentale. Nei saloni e nei cortili, le leggi della natura sembrano essere state applicate da docenti itineranti che hanno imparato la scienza attraverso spettacolari dimostrazioni sperimentali. Usando pompe ad aria, planetari, microscopi solari e macchine per studiare gli impatti, hanno offerto lezioni di fisica che hanno evitato il delicato linguaggio della matematica. Le loro conferenze, spesso presentate come spettacoli teatrali, erano veri e propri eventi sociali. Nel XVIII secolo, le macchine elettrostatiche appena scoperte furono utilizzate come intrattenimento durante le “serate elettriche”, dove i dimostranti organizzavano spettacoli spettacolari durante i quali le signore e i signori che erano lì sperimentavano sui propri strumenti i fenomeni di trazione elettrica, repulsione, scuotimento e scintille.

Camera 12

Insegnamento e divulgazione delle scienze: Ingegneria nel Settecento, la moda culturale per la presentazione delle scienze, grazie a esperienze impressionanti tra le classi superiori, stimolò la domanda di nuovi strumenti educativi. Includevano modelli di macchine semplici e complessi per dimostrare le applicazioni pratiche dei principi scientifici. I dispositivi educativi spesso provenivano da strumenti di ricerca che erano diventati obsoleti. Molti strumenti sono descritti nel 18 ° secolo come irreale, altamente intelligente ed efficiente. Sono rimasti in uso nei consigli sociali scientifici con alcune modifiche, fino ai primi decenni del 20 ° secolo. Gli strumenti della collezione lorenese sono copie perfette di quelli descritti nei trattati di famosi scienziati e dimostratori del XVIII secolo, come Willem de Jacob Gravesande (1688-1742) nei Paesi Bassi e Jean-Antoine Nollet (1700-1770) in Francia.

Come raggiungere il museo

Indirizzo: Piazza dei Giudici, 1, 50122 Firenze FI, Italia
Orari di apertura: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14.

Chiuso: solo il 25 dicembre e il 1 gennaio.
Ingresso: 14 euro per adulto. 6 € (da 6 a 18 anni)

https://www.museogalileo.it

https://goo.gl/maps/t1JqMxbD387a1Qiq8